Orari, musei umbria, museo umbria, domus, parco archeologico, mosaici, mosaico, in agenda, appuntamenti, mostre, convegni, incontri e seminari, fotografie opere umbre, immagini museo umbria, collezioni musei umbria, archivi storici umbria, app museo umbria, arte contemporanea umbria, Burri, Emilio Greco, Fuseum Brajo Fuso, Carandente,Moore, Pepper, Smith, Giò Pomodoro, Sol LeWitt, Galleria d?arte contemporanea Pro Civitate Christiana, Centro Arte Officine Siri,Museo d?arte Moderna Aurelio de Felice, CIAC, Calamita Cosmica Gino de Dominicis, Giardino dei Lauri, Pietro Cascella, Nino Caruso,Terzo Paradiso Michelangelo Pistoletto, Claudio Faina, Necropoli Crocefisso del Tufo, Antiquarium, Necropoli estrusca, antichi umbri, Cajani, plestini umbri ,museo archeologico, germanico,catacomba,terme romane, casa romana,mura,paleontologico,cicli geologici,paleontologia umbria,musero vulcanologico,Signorelli,Giotto,Ghirlandaio,Pomarancio,Perugino,Pintoricchio,Raffaello,Piermatteo d?Amelia;Piero della Francesca,Cimabue, Gozzoli, Spagna,Lippi,pozzo etrusco,ipogeo, narni sotterranea, orvieto underground, pozzo san patrizio,canapa,tela umbra,giuditta brozzetti, museo merletto tuoro, tessile valtopina,Anita Belleschi, Grifoni, MOO, MUVIT,antico frantoio costacciaro, museo civiltà ulivo trevi,ecomusei umbria, ceramica umbria

Biblioteca comunale "Francesco Melosio". Città della Pieve (PG)

Biblioteca

Detailed information
Description

La Biblioteca comunale di Città della Pieve è situata nel centro storico, in piazza Gramsci, di fronte alla Cattedrale. Occupa il piano terreno di palazzo della Corgna, edificio rinascimentale fatto costruire nel 1550 da Ascanio della Corgna, nipote di Papa Giulio III del Monte, su idea di Galeazzo Alessi. Le sale sono arricchite da affreschi del Pomarancio e di Salvio Savini.
Attualmente il patrimonio librario complessivo è di 47700 volumi, di cui oltre 4000 costituiscono il Fondo Antico. Quest'ultimo rappresenta la parte più importante e preziosa comprendendo vari manoscritti, un cospicuo numero di incunaboli, numerose cinquecentine e due Statuti di Città della Pieve. Per quanto riguarda i manoscritti, il più importante è sicuramente un antifonario del XV secolo le cui pagine in pergamena sono decorate con stupende miniature. Tale patrimonio apparteneva ai vari ordini monastici copiosamente presenti sul territorio nei secoli scorsi, per cui il contenuto dei libri è prevalentemente

[...]