Orari, musei umbria, museo umbria, domus, parco archeologico, mosaici, mosaico, in agenda, appuntamenti, mostre, convegni, incontri e seminari, fotografie opere umbre, immagini museo umbria, collezioni musei umbria, archivi storici umbria, app museo umbria, arte contemporanea umbria, Burri, Emilio Greco, Fuseum Brajo Fuso, Carandente,Moore, Pepper, Smith, Giò Pomodoro, Sol LeWitt, Galleria d?arte contemporanea Pro Civitate Christiana, Centro Arte Officine Siri,Museo d?arte Moderna Aurelio de Felice, CIAC, Calamita Cosmica Gino de Dominicis, Giardino dei Lauri, Pietro Cascella, Nino Caruso,Terzo Paradiso Michelangelo Pistoletto, Claudio Faina, Necropoli Crocefisso del Tufo, Antiquarium, Necropoli estrusca, antichi umbri, Cajani, plestini umbri ,museo archeologico, germanico,catacomba,terme romane, casa romana,mura,paleontologico,cicli geologici,paleontologia umbria,musero vulcanologico,Signorelli,Giotto,Ghirlandaio,Pomarancio,Perugino,Pintoricchio,Raffaello,Piermatteo d?Amelia;Piero della Francesca,Cimabue, Gozzoli, Spagna,Lippi,pozzo etrusco,ipogeo, narni sotterranea, orvieto underground, pozzo san patrizio,canapa,tela umbra,giuditta brozzetti, museo merletto tuoro, tessile valtopina,Anita Belleschi, Grifoni, MOO, MUVIT,antico frantoio costacciaro, museo civiltà ulivo trevi,ecomusei umbria, ceramica umbria

In compliance with the DPCM of 14 January 2021, the opening of museums and other places of culture is suspended with the exception of libraries where the related services are offered by reservation and archives, without prejudice to compliance with the containment measures to the spread of the Covid coronavirus. -19.

Biblioteca comunale "Giovanni Eroli". Narni (TR)

Biblioteca

Detailed information
Description

La fondazione della biblioteca comunale di Narni risale al 1663, e fu frutto della volontà di monsignor Andrea Cardoli, illustre prelato narnese, che nel suo testamento scelse di donare la propria biblioteca al comune. L’impegno del Cardoli, dettato dal desiderio di contribuire alla definizione della nuova identità culturale della città, fu recepito con gioia e solerzia dalle autorità comunali, vive dall’anno successivo alla morte del monsignore ad assicurare la miglior tutela e protezione possibile all’ingente patrimonio librario. Si scelse di affidare la gestione della biblioteca ai padri delle Opere Pie, cioè ai membri dell’ordine degli Scolopi, religiosi in prima fila nell’assicurare un’ educazione scientifica ed umanistica al popolo dei laici.
Dopo poco tempo tuttavia il fondo librario del Cardoli tornò ad essere gestito dal Comune che lo depositò nelle soffitte del Palazzo Comunale, dove versò per anni in stato di degrado, finché Giovanni Eroli,

[...]