Orari, musei umbria, museo umbria, domus, parco archeologico, mosaici, mosaico, in agenda, appuntamenti, mostre, convegni, incontri e seminari, fotografie opere umbre, immagini museo umbria, collezioni musei umbria, archivi storici umbria, app museo umbria, arte contemporanea umbria, Burri, Emilio Greco, Fuseum Brajo Fuso, Carandente,Moore, Pepper, Smith, Giò Pomodoro, Sol LeWitt, Galleria d?arte contemporanea Pro Civitate Christiana, Centro Arte Officine Siri,Museo d?arte Moderna Aurelio de Felice, CIAC, Calamita Cosmica Gino de Dominicis, Giardino dei Lauri, Pietro Cascella, Nino Caruso,Terzo Paradiso Michelangelo Pistoletto, Claudio Faina, Necropoli Crocefisso del Tufo, Antiquarium, Necropoli estrusca, antichi umbri, Cajani, plestini umbri ,museo archeologico, germanico,catacomba,terme romane, casa romana,mura,paleontologico,cicli geologici,paleontologia umbria,musero vulcanologico,Signorelli,Giotto,Ghirlandaio,Pomarancio,Perugino,Pintoricchio,Raffaello,Piermatteo d?Amelia;Piero della Francesca,Cimabue, Gozzoli, Spagna,Lippi,pozzo etrusco,ipogeo, narni sotterranea, orvieto underground, pozzo san patrizio,canapa,tela umbra,giuditta brozzetti, museo merletto tuoro, tessile valtopina,Anita Belleschi, Grifoni, MOO, MUVIT,antico frantoio costacciaro, museo civiltà ulivo trevi,ecomusei umbria, ceramica umbria

Biblioteca comunale "Lorenzo Leoni". Todi (PG)

Biblioteca

Informazioni dettaglio
Descrizione

La Biblioteca comunale di Todi si trova nel centro storico, rione Colle, ospitata all’interno del complesso di San Fortunato, nei pressi del Parco della Rocca.
Il complesso risale alla seconda metà del XIII secolo grazie all’insediamento in città dei francescani, la biblioteca occupa i locali che costituivano l’antico convento. Il panorama che si può godere dalle ampie vetrate permette di abbracciare con lo sguardo tutta la parte sud della città.
Un primo tentativo di costituire una biblioteca pubblica a Todi va datato intorno al 1813, anche se, di fatto, la biblioteca comunale venne istituita solo nel 1875, anno in cui Lorenzo Leoni riordinò ed inventariò codici ed opere a stampa provenienti sia dall'ex convento di San Fortunato che dalle biblioteche delle Congregazioni soppresse. Già nel 1867, tuttavia, per far si che la cultura non rimanesse un privilegio di pochi ma appartenesse a tutti, Paolo Leli formò, con donazioni di privati cittadini, una biblioteca circolante che nel 1886 fu unita alla comunale

[...]